Attenzione: Questo sito utilizza cookie per gestire alcuni servizi oltre che le tue preferenze. Per saperne di più consulta la nostra policy sulla privacy cliccando qui. Accetto ×

SERATE SPECIALI

SERATE SPECIALI

PAOLO NESPOLI: UNA SERATA CON “L’EXTRATERRESTRE”
Venerdì 13 settembre | Ore 21.00 | Teatro Verdi
Durata: 120 min

Paolo Nespoli ha trascorso 313 giorni nello Spazio: un vero record! Da lassù, vivendo in assenza di gravità, in situazioni di emergenza, guardando la Terra dall'alto, ha capito alcune cose della nostra vita di tutti i giorni.

Con l’entusiasmo e la chiarezza che lo contraddistingue Nespoli sarà protagonista assoluto, nella cornice dello spettacolare Teatro Verdi, per raccontare come, vivendo in assenza di gravità, ha imparato ad assumere nuove abitudini, saper tornare bambino per apprendere di nuovo a vivere in una realtà in cui anche gli aspetti più scontati sono diversi dal solito.

Costretto sempre al massimo della performance, ha imparato a lavorare in squadra, a gestire gli imprevisti, a ottimizzare il tempo, a riconoscere i propri limiti e fare tesoro dei propri errori. Ha imparato che i sogni vanno coltivati con cura, ma che a un certo punto, se si vogliono realizzare davvero, bisogna svegliarsi. Che se si guarda sempre avanti, se si punta sempre in alto, le stelle non sono poi così lontane.

I biglietti per la serata con Paolo Nespoli saranno disponibili qui a partire dal 18 giugno (chi si REGISTRA al festival prima di quella data riceverà una notifica per acquistare in anticipo i posti desiderati)


* * *


GUARDA CHE LUNA! UNA SERATA CON PIERO ANGELA
Sabato 14 settembre | Ore 20.15 | Auditorium, Orto botanico
Un evento straordinario dedicato ai 50 anni dallo sbarco lunare
Presenta: Piero Bianucci

Infischiandosi delle leggi di Keplero, che regolano il moto dei corpi celesti, la notte tra il 20 e il 21 luglio 1969 fu la Terra a girare attorno alla Luna, rendendole omaggio. A 50 anni di distanza, il CICAP Fest celebra quella straordinaria impresa con una serata speciale, in compagnia di Piero Angela, dedicata a raccontare il passato, il presente e il futuro delle conquiste spaziali attraverso testimonianze, performance, proiezioni cinematografiche e osservazioni telescopiche.

La serata, che inizia alle 20.15 e si concluderà oltre la mezzanotte, si compone di diversi momenti:

LA STRAORDINARIA AVVENTURA DELLO SPAZIO
Con Sandra Savaglio

Il suo soprannome “AstroSavaglio” non è un caso: dopo studi in Italia, Germania e Stati Uniti, e dopo una copertina della rivista “Time” che la indicava tra i migliori scienziati europei “in fuga”, oggi Sandra Savaglio è professore ordinario in astrofisica all’Università della Calabria. «La curiosità» dice «è la chiave di tutto. Scoprire la verità, portare avanti un’indagine e risolverla, anche se l’oggetto dell’indagine sembra insignificante, è il senso di chi fa scienza. Chi perde la curiosità resta senza motivazione. Ma lo spazio è un campo capace di dare ancora tante soddisfazioni proprio perché c’è ancora così tanto da scoprire».


PIERO ANGELA: LA CONQUISTA DELLA LUNA E IL FUTURO NELLO SPAZIO
Con Piero Angela

Piero Angela ha seguito ben sei missioni Apollo, da Houston a Cape Canaveral, per raccontarle al pubblico italiano, prima come inviato del Telegiornale Rai e poi con la sua prima serie di divulgazione scientifica in TV: “Il futuro nello spazio”. «Agli operatori che mi accompagnavano» ricorda Angela «chiesi di ignorare il lancio e di riprendere le facce del pubblico. Ciò che notai fu l’emozione, quasi fisica, che riguardava indistintamente i parenti degli astronauti quanto gli estranei. Vidi gente piangere senza ragione. Tutti, e non solo i tecnici della Nasa, erano preparati al peggio, sapendo che sarebbe bastato un nonnulla perché la situazione precipitasse. Non era un caso che quella generazione di astronauti provenisse per lo più da famiglie contadine, abituate a grandi sacrifici. Ma quell’interesse spasmodico non era destinato a durare. Già dalla missione Apollo 12 a Roma mi dicevano: “Ma che ci importa? Ormai sulla Luna ci sono già arrivati”. È andata a finire che il progetto fu abbandonato prima del tempo. Ora, però, potrebbe iniziare un’altra corsa allo spazio: questa volta per Marte. E a me piacerebbe raccontarla in un libro…» Il racconto emozionante di un “testimone” molto speciale della conquista umana dello spazio.

A UNA CERT'ORA DELLA SERATA, I PARTECIPANTI SARANNO INVITATI A BRINDARE CON PIERO ANGELA PER FESTEGGIARE I 30 ANNI DI ATTIVITA' DEL CICAP 


VISIONE NOTTURNA: SILENT MOON
A cura di Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio astrofisico di Arcetri

I primi del '900 sono stati anni di grandi innovazioni e fermenti in tutti i campi. La stupefacente, forse irripetibile energia di quel periodo rendeva i confini tra le arti e le scienze altamente permeabili. Tracce del dibattito scientifico si ritrovano in modo del tutto inatteso in numerosi film del periodo del muto sopravvissuti fino ai nostri giorni, sia di finzione che documentari. L'insospettata vicinanza fra cinema muto e astronomia è il punto di partenza di questo spettacolo: la scienza della luna, le missioni lunari passate, presenti e future, la luna nell’immaginario popolare e in quello cinematografico, il tutto raccontato in un intreccio di linguaggi che svela sorprendenti corrispondenze fra cinema, teatro e scienza.


UNO SGUARDO ALLA LUNA
A cura del Planetario di Padova

Per la serata è stata “programmata” una Luna piena… Meteo permettendo, gli astronomi e lo staff del Planetario di Padova, in chiusura di serata accompagneranno chi lo desidera all’osservazione della Luna e a osservare il cielo con il telescopio.

 
I biglietti per la serata dedicata alla Luna con Piero Angela saranno disponibili qui a partire dal 18 giugno (chi si REGISTRA al festival prima di quella data riceverà una notifica per acquistare in anticipo i posti desiderati)

;